bMachine Blogs
Posta Certificata, facciamo chiarezza
  by Antonio Iacono / Category :: General
Posted on Feb 09th (Wed) 2005 @ 08:08 AM
Rating: 5/5   Votes: 1
Rate:   Mail this article to a friend View/Add comments Printer friendly page

Attached file :

il titolo riprende l' articolo odierno dell'avvocato Manlio Cammarata su Punto Informatico, i miei commenti sull'argomento.
Seguo da un po' l'evolversi della situazione in materia di PEC e questo ultimo atto normativo mi lascia abbastanza perplesso. Innanzitutto mi sembrano esagerati i requisiti di cui al comma 3 dell'art.14 che recita:
"I richiedenti l’iscrizione nell’elenco dei gestori di posta elettronica certificata diversi dalle pubbliche amministrazioni devono avere natura giuridica di società di capitali e capitale sociale interamente versato non inferiore a un milione di euro."
Ma voglio soffermarmi soprattutto su motivi tecnici. Nellarticolo di Cammarata leggo: "La firma digitale sulla busta non ha nulla a che fare con l'eventuale firma digitale sul documento trasmesso: si possono trasmettere con la PEC sia documenti firmati digitalmente sia documenti non firmati. I documenti non firmati non possono acquistare il valore di documenti firmati solo per il fatto che sono trasmessi attraverso la posta certificata: la firma del gestore non dice nulla circa l'effettiva identità del mittente e l'origine del documento".
E gia' questo e' in contrasto con quello che molti pensavano, anche perche' su questo punto il DPR e' poco chiaro, cerchiamo di capirne i motivi, leggendo attentamente il Decreto.
Il comma 2 dell'art.9 dice: "La busta di trasporto è sottoscritta con una firma elettronica di cui al comma 1 che garantisce la provenienza, l’integrità e l’autenticità del messaggio di posta elettronica certificata secondo le modalità previste dalle regole tecniche di cui all’articolo 17." ma cos'e', secondo il legislatore, la "busta di trasporto"? La risposta si trova al comma 2 dell'Art.1: "2. Ai fini del presente regolamento si intende per:
a) busta di trasporto, il documento informatico che contiene il messaggio di posta elettronica certificata;"
Come potete notare, leggendo il Decreto, sembra che il documento informatico che contiene il messaggio di posta elettronica (quindi anche il messaggio originale? ) debba essere firmato digitalmente (quindi anche dal mittente? ).
Attendiamo fiduciosi "Le nuove regole tecniche che saranno oggetto di un DPCM, conseguente alla pubblicazione in G.U. del DPR e conterranno tutti i requisiti tecnico-funzionali che devono essere rispettati dalle piattaforme utilizzate per erogare il servizio."

« Mar 2017 »
S M T W T F S
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Last 5 posts

CA Italia
Smart Card con ..
Nuovo UPIServer..
Free Time Stamp..
La card di Acta..
Strong-crypto P..

Search

Powered by bMachine v 2.8